Volt, c’è qualcuno che pensa all’Europa

Articolo e foto tratte da L’Espresso
di Federica Bianchi


La sinistra fa fatica a riorganizzarsi e l’Italia è senza opposizione, in balia degli slogan di Matteo Salvini, delle incertezze esistenziali di Luigi Di Maio e dei litigi intestini all’interno del Pd? Da sabato 14 luglio un gruppo di giovani e meno giovani proveranno a determinarne una.
Si chiama Volt Italia ed è il nuovo partito che sta nascendo a Bologna dall’idea di un gruppo di ragazzi europeisti, nel tentativo di dare una risposta costruttiva e concreta ai problemi dell’Italia e dell’Europa in tempi di picconatori e dissacratori.

L’idea del milanese Andrea Venzon era quella di fondare un partito replicato in ogni Paese europeo che, riconoscendo le infinite opportunità che offre ai suoi cittadini, spingesse per un’Europa dal volto benigno e non lavorasse alla sua distruzione, come stanno facendo la francese Marine Le Pen, l’italiano Matteo Salvini, l’ungherese Viktor Orban e il tedesco Horst Seehofer. Continue reading

Volt, manifesto e visione

Servire i cittadini • Creare opportunità • Sconfiggere le ingiustizie

 

Stato delle Società Europee

Le società europee del 21esimo secolo si trovano ad affrontare numerose sfide sociali, politiche ed economiche.Dal punto di vista sociale, molti cittadini sono ai margini dalle nostre società e non è loro garantita una qualità della vita adeguata. Il sistema attuale trascura gli individui più vulnerabili e in alcuni casi intere aree geografiche. I pilastri del nostro sistema sociale, il fondamento delle nostre società, stanno diventano sempre meno sostenibili. Immigrazione e integrazione richiedono un ripensamento della nostra identità nazionale ed europea e mettono alla prova il concetto stesso di solidarietà. Continue reading

Volt Europa, intervista al presidente Andrea Venzon

Articolo tratto da EastWest.eu
di Manuela Scognamiglio


Andrea Venzon ha studiato tra Milano, Londra e New York. Entra nel mondo professionale nel settore privato, come consulente, per poi passare al settore pubblico qualche anno dopo. Nel marzo del 2017 fonda Volt Europa, che punta alle elezioni europee del 2019. E ha l’ambizione di rivoluzionare il modo di far politica nel vecchio continente.

«Volt nasce come reazione alla Brexit, poco più di un anno fa», racconta Venzon al blog Millennials. «Lo abbiamo pensato come centro di discussione, ma poi abbiamo capito che c’era un crescente interesse, da parte della nostra generazione e non solo, a costruire un progetto e un progetto che fosse europeo. Inizialmente, avevamo pensato di creare un partito nazionale ma poi, analizzando le problematiche, ci siamo resi conto che queste erano per lo più comunitarie (crisi economica, cambiamento climatico). Così, abbiamo pensato a una forza politica transnazionale che faccia politica europea con una caratteristica che spesso la politica europea non ha: essere molto locale. Un partito, per dire, che sia presente alle municipali di Milano e alle municipali di Lisbona e sia anche una forza nazionale ed europea. Imitando un po’ il modello americano». Continue reading